Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
Ematologia.net
OncologiaMedica.net
Gastroenterologia.net

Farmaci per la soppressione della secrezione acida associati ad aumentato rischio di infezioni da Clostridium difficile nei bambini


Diversi studi hanno confermato l’associazione tra farmaci acido-soppressori e le infezioni da Clostridium difficile ( CDI ) negli adulti.
Uno studio ha valutato l'associazione tra farmaci per la soppressione della secrezione acida e le infezioni da Clostridium difficile nei bambini.

Sono stati analizzati in modo retrospettivo una serie di casi. I pazienti avevano una età compresa tra 2 e 18 anni durante il periodo 2001-2013, e avevano avuto diagnosi di infezione da Clostridium difficile.

Le incidenze relative ( RI ) di infezioni da Clostridium difficile o CDI ricorrenti sono state calcolate confrontando i periodi di tempo in cui erano stati prescritti e non-prescritti gli inibitori della pompa protonica ( PPI ) o gli antagonisti dei recettori della istamina-2 ( H2RA ).

Ci sono stati 2.531 casi di infezioni da Clostridium difficile tra i 2437 pazienti, e a 1.190 ( 48.8% ) erano stati prescritti i farmaci per la soppressione della secrezione acida.

Le infezioni da Clostridium difficile erano più probabili che si verificassero nei periodi in cui i pazienti avevano una prescrizione di un inibitore della pompa protonica ( RI = 2.36; 95% CI 2.22-2.52 ), di un antagonista del recettore H2 ( RI = 1.95; 95% CI 1.63-2.34 ), o durante i periodi in cui questi farmaci erano stati prescritti contemporaneamente ( RI = 2.40; 95% CI 1.90-3.04 ).

Ci sono stati 265 ( 10.4% ) casi che sono stati classificati come ricorrenti tra 217 ( 8.9% ) pazienti.
Anche le infezioni ricorrenti da Clostridium difficile avevano una maggiore probabilità di presentarsi durante i periodi di prescrizione degli inibitori della pompa protonica ( RI = 1.74; 95% CI 1.51-2.00 ) e degli antagonisti del recettore H2 ( RI = 2.63; 95% CI 1.89-3.66 ).

In conclusione, i farmaci per la soppressione della secrezione acida sono associati a un aumentato rischio di infezioni da Clostridium difficile e di infezioni ricorrenti.
Un uso giudizioso di questi farmaci deve essere preso in considerazione, soprattutto per i pazienti a più alto rischio di infezioni da Clostridium difficile. ( Xagena2014 )

Nylund CM et al, J Pediatr 2014; 165: 979-984.e1

Inf2014 Gastro2014 Farma2014


Indietro