Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Irinotecan, Temozolomide e Dinutuximab con GM-CSF nei bambini con neuroblastoma refrattario o recidivante: un rapporto del Children’s Oncology Group


La combinazione di Irinotecan ( Campto ), Temozolomide ( Temodal ), Dinutuximab ( Qarziba ) e fattore stimolante le colonie di granulociti-macrofagi ( GM-CSF ) ( I/T/DIN/GM-CSF ) ha dimostrato attività nei pazienti con neuroblastoma recidivante / refrattario nello studio randomizzato ANBL1221 del Children's Oncology Group.
Per valutare più accuratamente il tasso di risposta e la tossicità, una coorte allargata è stata assegnata in modo non-casuale a I/T/DIN/GM-CSF.

I pazienti erano eleggibili alla prima recidiva o alla prima designazione di malattia refrattaria.
Temozolomide per os e Irinotecan per via endovenosa sono stati somministrati nei giorni da 1 a 5 di cicli di 21 giorni. Dinutuximab è stato somministrato per via endovenosa nei giorni 2-5, mentre GM-CSF è stato somministrato per via sottocutanea nei giorni 6-12.

L'endpoint primario era la risposta oggettiva, analizzata in base all'intent-to-treat ( ITT ) secondo i criteri INRC ( International Neuroblastoma Response Criteria ).

Sono stati assegnati in modo casuale 17 pazienti eleggibili a I/T/DIN/GM-CSF nel periodo 2013-2015; altri 36 pazienti sono stati assegnati in modo non-casuale a I/T/DIN/GM-CSF nel periodo 2016-2017.

Risposte oggettive complete o parziali sono state osservate in 9 pazienti su 17 ( 52.9% ) assegnati in modo casuale e in 13 su 36 ( 36.1% ) nella fase espansione.
Risposte oggettive sono state osservate in 22 dei 53 pazienti complessivi ( 41.5% ); la malattia stabile è stata osservata in 22 pazienti su 53.

La sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) a 1 anno e la sopravvivenza globale ( OS ) per tutti i pazienti che hanno ricevuto I/T/DIN/GM-CSF sono state, rispettivamente, pari a 67.9% e 84.9%.

Due pazienti non hanno ricevuto la terapia di protocollo, ed erano valutabili per la risposta ma non per la tossicità.

Tossicità comuni di grado 3 o superiore erano: febbre / infezione ( 18 su 51, 35.3% ), neutropenia ( 17 su 51, 33.3% ), dolore ( 15 su 51, 29.4% ) e diarrea ( 10 su 51, 19.6% ).
Un paziente ha soddisfatto i criteri definiti dal protocollo per tossicità inaccettabile ( ipossia di grado 4 ).

I più alti livelli minimi di Dinutuximab sono risultati associati alla risposta.

In conclusione, la combinazione I/T/DIN/GM-CSF ha una significativa attività antitumorale nei pazienti con neuroblastoma recidivante / refrattario.
È indicato lo studio della chemioimmunoterapia in prima linea, così come un'ulteriore valutazione dei biomarcatori predittivi. ( Xagena2020 )

Mody R et al, J Clin Oncol 2020; 38: 2160-2169

Onco2020 Neuro2020 Pedia2020 Farma2020


Indietro