Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
Gastroenterologia.net
Neurologia
OncologiaMedica.net

Parto cesareo programmato a termine ed esiti avversi per la salute nella infanzia


Il parto cesareo programmato comprende una parte significativa delle nascite a livello mondiale, con tassi combinati di parto cesareo programmato e non-programmato in un certo numero di regioni che si avvicinano al 50%.

Studi osservazionali hanno dimostrato che i figli nati da parto cesareo sono ad aumentato rischio di problemi di salute durante l'infanzia, ma questi studi non erano aggiustati per alcune variabili.
Inoltre, il rischio di mortalità oltre il periodo neonatale non era stato riportato per la prole nata da parto cesareo programmato.

È stato studiato il rapporto tra parto cesareo programmato e problemi di salute nella prole o parto cesareo e mortalità durante l'infanzia in uno studio basato sulla popolazione di 321.287 figli primogeniti singoli nati a termine in Scozia, Regno Unito, tra il 1993 e il 2007, con follow-up fino a febbraio 2015.

I nati da parto cesareo programmato in una prima gravidanza sono stati confrontati con la prole nata da parto cesareo non-programmato e con la prole nata da parto vaginale.

L'end point primario era l'asma con necessità di ricovero in ospedale; gli esiti secondari erano prescrizione di Salbutamolo per via inalatoria a 5 anni di età, obesità a 5 anni di età, malattie infiammatorie intestinali, diabete mellito di tipo 1, cancro e mortalità.

Rispetto alla prole nata da parto cesareo non-programmato ( n=56.015, 17.4% ), i nati da parto cesareo programmato ( 12.355, 3.8% ) non hanno presentato significativamente differente rischio di asma con necessità di ricovero in ospedale, prescrizione di Salbutamolo inalatorio a 5 anni di età, obesità a 5 anni di età, malattie infiammatorie intestinali, tumore, o morte, ma sono risultati ad aumentato rischio di diabete mellito di tipo 1 ( 0.66% vs 0.44%; differenza, 0.22%; hazard ratio aggiustato aHR=1.35 ).

Rispetto ai bambini nati da parto vaginale ( n=252.917, 78.7% ), la prole nata da parto cesareo programmato era ad aumentato rischio di asma con necessità di ricovero ospedaliero ( 3.73% vs 3.41%; differenza, 0.32%; aHR=1.22 ), prescrizione di Salbutamolo inalatorio all'età di 5 anni ( 10.34% vs 9.62%; differenza, 0.72%; aHR=1.13 ) e morte ( 0.40% vs 0.32%; differenza, 0.08%; aHR=1.41 ), mentre non vi sono state differenze significative nel rischio di obesità a 5 anni di età, malattie infiammatorie intestinali, diabete mellito di tipo 1, o tumore.

In conclusione, tra i figli di donne al primo parto in Scozia tra il 1993 e il 2007, il parto cesareo programmato rispetto al parto vaginale ( ma non rispetto al parto cesareo non-programmato ) è risultato associato a un piccolo aumento del rischio assoluto di asma con necessità di ricovero in ospedale, prescrizione di Salbutamolo per via inalatoria all'età di 5 anni, e morte per tutte le cause a 21 anni di età.
Sono necessarie ulteriori indagini per comprendere se le associazioni osservate siano causali. ( Xagena2015 )

Black M et al, JAMA 2015; 314: 2271-2279

Gyne2015 Pedia2015 Pneumo2015



Indietro