Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Pneumobase.it

Dabrafenib più Trametinib nel glioma pediatrico con mutazioni BRAF V600


Il rilevamento della mutazione BRAF V600E nel glioma pediatrico di basso grado è stato associato a una risposta inferiore alla chemioterapia standard.

In studi precedenti, Dabrafenib [ Tafinlar ] ( sia in monoterapia che in combinazione con Trametinib [ Mekinist ] ) ha mostrato efficacia nel glioma pediatrico ricorrente di basso grado con mutazioni BRAF V600, risultati che giustificano un’ulteriore valutazione di questa combinazione come terapia di prima linea.

In uno studio di fase 2, i pazienti con glioma pediatrico di basso grado con mutazioni BRAF V600 che dovevano ricevere la terapia di prima linea sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Dabrafenib più Trametinib o chemioterapia standard ( Carboplatino più Vincristina ).

L'esito primario era la risposta complessiva valutata in modo indipendente ( risposta completa o parziale ) secondo i criteri RANO ( Response Assessment in Neuro-Oncology ).
Sono stati valutati anche il beneficio clinico ( risposta completa o parziale o malattia stabile per 24 settimane o più ) e la sopravvivenza libera da progressione.

In totale 110 pazienti sono stati sottoposti a randomizzazione ( 73 a ricevere Dabrafenib più Trametinib e 37 a ricevere chemioterapia standard ).

A un follow-up mediano di 18.9 mesi, una risposta complessiva si è verificata nel 47% dei pazienti trattati con Dabrafenib più Trametinib e nell’11% di quelli trattati con chemioterapia ( risk ratio, RR=4.31; P minore di 0.001 ).

Il beneficio clinico è stato osservato nell’86% dei pazienti trattati con Dabrafenib più Trametinib e nel 46% dei pazienti trattati con chemioterapia ( RR=1.88 ).

La sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) mediana è risultata significativamente più lunga con Dabrafenib più Trametinib rispetto alla chemioterapia ( 20.1 mesi vs 7.4 mesi; hazard ratio, HR=0.31; P minore di 0.001 ).

Eventi avversi di grado 3 o superiore si sono verificati nel 47% dei pazienti trattati con Dabrafenib più Trametinib e nel 94% di quelli trattati con chemioterapia.

Tra i pazienti pediatrici con glioma di basso grado con mutazioni BRAF V600, Dabrafenib più Trametinib ha prodotto un numero significativamente maggiore di risposte, una più lunga sopravvivenza libera da progressione e un profilo di sicurezza migliore rispetto alla chemioterapia standard come terapia di prima linea. ( Xagena2023 )

Bouffet E et al, N Engl J Med 2023; 389: 1108-1120

Neuro2023 Onco2023 Pedia2023 Farma2023



Indietro