XagenaNewsletter
Medical Meeting
Xagena Mappa
Cardiobase

Danno endoteliale nei sopravvissuti a lungo termine dopo tumore pediatrico


È stato condotto uno studio per valutare la presenza di danno vascolare in sopravvissuti a lungo termine a carcinoma pediatrico e in controlli ( fratelli ), e per valutare l’associazione tra parametri di danno vascolare e trattamento oncologico e influenza di fattori di rischio cardiovascolare.

Sono state effettuate valutazioni vascolari in 277 adulti sopravvissuti a cancro pediatrico ( età mediana alla diagnosi, 9 anni; intervallo, 0-20 anni; età mediana attuale, 28 anni; intervallo, 18-48 anni ) sottoposti a trattamenti oncologici potenzialmente tossici a livello cardiovascolare ( antracicline, Platino e/o radioterapia ).

Le misurazioni hanno incluso spessore della intima media carotidea e femorale, vasodilatazione flusso-mediata della arteria brachiale con ultrasuoni, valutazione dei marcatori proteici endoteliali e infiammatori ( incluso l’attivatore tissutale del plasminogeno [ t-PA ], l’inibitore di tipo 1 dell’attivatore del plasminogeno [ PAI-I ] ) e fattori di rischio cardiovascolari.

Le valutazioni dei pazienti sopravvissuti a tumore in età pediatrica sono state confrontate con quelle di 130 fratelli dei pazienti ( età mediana, 26 anni; intervallo, 18-51 anni ).

A un’età mediana di 18 anni ( intervallo, 5-31 anni ) dopo il trattamento, lo spessore dell’intima media carotidea e femorale in sopravvissuti a cancro in età pediatric non sono risultate differenti da quelle dei controlli.

Tuttavia, i sopravvissuti a carcinoma pediatrico che avevano ricevuto radioterapia come parte del loro regime di trattamento hanno mostrato un aumento della intima media carotidea e femorale e livelli più alti di t-PA e PAI-I, ad indicare un danno vascolare e una persistente attivazione endoteliale.

Pazienti trattati con radioterapia al collo o al torace hanno anche mostrato un maggior spessore della intima media carotidea femorale.

Il maggiore spessore della intima media è risultato associato a presenza di fattori di rischio cardiovascolare ( ipertensione e sovrappeso ).

In conclusione, dopo trattamento oncologico potenzialmente tossico dal punto di vista cardiovascolare, i sopravvissuti a carcinoma pediatrico che avevano ricevuto radioterapia hanno mostrato segni di danno endoteliale e un profilo di rischio cardiovascolare non favorevole rispetto ai controlli.
I sopravvissuti a carcinoma pediatrico trattati con radioterapia localizzata hanno mostrato un aumento dello spessore della intima media al di fuori del campo di irradiazione primario.
Queste anomalie sono probabilmente coinvolte nella patogenesi di morbilità cardiovascolare in sopravvissuti a carcinoma in età pediatrica. ( Xagena2013 )

Brouwer CA et al, J Clin Oncol 2013; 31: 3906-3913

Onco2013 Cardio2013 Pedia2013



Indietro