Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Mediexplorer.it

Effetto di Rituximab sullo stato immunitario nei bambini con linfoma non-Hodgkin a cellule B mature: analisi dello studio Inter-B-NHL Ritux 2010


La sopravvivenza di bambini e adolescenti con linfoma non-Hodgkin a cellule B mature ad alto rischio è migliorata dall'aggiunta di Rituximab ( MabThera ) alla chemioterapia.

L'effetto di Rituximab sulla ricostituzione immunitaria dopo la terapia non è stato ben descritto. Sono stati valutati gli effetti immunitari dell'aggiunta di Rituximab alla chemioterapia intensiva, un obiettivo secondario prespecificato dello studio Inter-B-NHL Ritux 2010.

Lo studio Inter-B-NHL Ritux 2010 era uno studio internazionale, in aperto, randomizzato, di fase 3 su bambini ( età compresa tra 6 mesi e 18 anni ) con linfoma non-Hodgkin a cellule B mature ad alto rischio, che confrontava la sola chemioterapia con la chemioterapia con Rituximab.

Le misurazioni dello stato immunitario sono state completate al basale, 1 mese dalla fine del trattamento e 1 anno dall'inizio della terapia, e successivamente ogni anno fino alla normalizzazione.

Per questa analisi secondaria, vengono riportate le proporzioni di pazienti con bassa conta dei linfociti e concentrazioni di immunoglobuline in questi momenti temporali con la conta totale dei linfociti, la conta delle cellule B e la concentrazione di IgG come endpoint principali.

Altri endpoint di interesse includevano l'esposizione alla terapia sostitutiva con immunoglobuline e le sierologie vaccinali.
La popolazione valutata per gli endpoint immunitari era la popolazione idonea per protocollo con almeno un parametro immunitario in un momento temporale.
Sono stati effettuati confronti dello stato immunitario tra i gruppi di trattamento randomizzati.

La sicurezza nel periodo post-terapia è stata valutata nella popolazione eleggibile per lo studio sull'immunità che è stata seguita almeno 3 mesi dopo la fine del trattamento e senza eventi correlati al tumore.

Dal 2011 al 2017, sono stati arruolati 421 pazienti ( 344 maschi, 82%, e 77 femmine, 18%; l'età media era di 8.8 anni ) e presentavano dati immunitari a basale, durante il follow-up, o entrambi. La popolazione dello studio comprendeva pazienti assegnati in modo casuale ( n=289 ) e una coorte non-randomizzata arruolata dopo l'analisi ad interim pianificata ( n=132 ).

Al basale, 99 dei 290 pazienti ( 34% ) con dati disponibili ( esclusi i pazienti con malattia del midollo osseo con blasti periferici ) presentavano linfopenia e 178 su 368 ( 48% ) presentavano ipogammaglobulinemia.

A 1 mese dalla fine della terapia, i pazienti che avevano ricevuto chemioterapia con Rituximab avevano più probabilità di avere, rispetto a quelli che avevano ricevuto la sola chemioterapia, linfopenia ( 86 su 106, 81%, vs 53 su 89, 60%, odds ratio OR 2.92, P=0.0011 ), linfopenia a cellule B ( 72 su 75, 96%, vs 36 su 56, 64%, OR 13.33, P minore di 0.0001 ) e ipogammaglobulinemia ( 67 su 95, 71%, vs 37 su 79, 47%, OR 2.72, P=0.0017 ).

Le differenze sono rimaste a 1 anno solo per l'ipogammaglobulinemia ( 52 su 94, 55%, vs 16 su 63, 25%, OR 3.64, P=0.0003 ).
I pazienti nel gruppo chemioterapia con Rituximab hanno avuto maggiori probabilità rispetto a quelli nel gruppo chemioterapia di ricevere la sostituzione delle immunoglobuline ( 26 su 164, 16%, vs 9 su 158, 7%, hazard ratio HR 2.63, P=0.010 ), fatto dovuto principalmente alla bassa concentrazione di immunoglobuline.

Nei gruppi di trattamento combinato, compresi i pazienti assegnati in modo non-casuale, la percentuale di pazienti che hanno avuto una perdita di sierologie protettive a causa di un'infezione prevenibile con vaccino è variata da 4 su 47 ( 9% ) per la poliomielite a 21 su 50 ( 42% ) per Streptococcus pneumoniae ( pneumococco ).

Un paziente ( gruppo chemioterapia con Rituximab ) ha avuto un evento infettivo potenzialmente letale di sepsi batterica polimicrobica riportato 2 mesi dopo la somministrazione finale della chemioterapia.

I bambini con linfoma non-Hodgkin a cellule B mature ad alto rischio sottoposti a chemioterapia con Rituximab hanno mostrato un rischio di ipogammaglobulinemia prolungata, sebbene le infezioni gravi fossero rare.
Sono necessarie strategie per la sostituzione delle immunoglobuline e la rivaccinazione. ( Xagena2023 )

Alexander S et al, Lancet Haematology 2023; 10: 445-457

Pedia2023 Emo2023 Onco2023 Farma2023



Indietro