Xagena Mappa
Medical Meeting
Onco News
Ematobase.it

Esiti e fattori di rischio di embolia polmonare massiva e submassiva nei bambini


Poco si sa sulla embolia polmonare grave nei bambini. Sono stati riportati gli esiti di embolia polmonare, identificati i fattori di rischio per esiti sfavorevoli ed è stata valutata la capacità discriminante di due indici di gravità clinica nei pazienti pediatrici.

In uno studio di coorte retrospettivo, sono stati inclusi pazienti consecutivi di età pari o inferiore a 18 anni con embolia polmonare acuta, diagnosticata oggettivamente radiologicamente o patologicamente, tra il 2000 e il 2016, da due ospedali pediatrici canadesi ( Hospital for Sick Children, Toronto, ON, e Children's Hospital of Eastern Ontario, Ottawa, ON ).

I criteri di esclusione erano la morte improvvisa senza conferma di embolia polmonare radiologica o patologica ed embolia polmonare non-tromboembolica.

L'esito primario era un composito di esiti sfavorevoli di morte correlata all’embolia polmonare e recidiva di embolia polmonare o progressione.

Sono stati esaminati i potenziali predittori di esito composito sfavorevole ( età alla diagnosi di embolia polmonare, sesso, cardiopatia di base, gravità dell'embolia polmonare, presenza di un catetere venoso centrale, tromboembolia venosa associata, storia familiare di trombosi, modalità di trattamento, trombofilia, obesità e chirurgia recente ).

È stato calcolato l'indice di gravità dell'embolia polmonare ( PESI ) e il PESI semplificato ( sPESI ), utilizzando parametri aggiustati per età; è stata stimata la capacità di PESI e sPESI di predire la mortalità usando l'analisi della curva ROC.

Su 170 pazienti inclusi, 37 ( 22% ) presentavano embolia polmonare massiva, 12 ( 7% ) submassiva e 121 ( 71% ) non-massiva.

I pazienti con embolia polmonare massiva o submassiva erano più giovani ( età media 12.5 anni vs 14.4 anni, P minore di 0.0001 ), più probabilmente avevano una condizione cardiaca ( 16 pazienti, 33%, vs 17, 14%, P=0.009 ), e avevano più cateteri venosi centrali ( 29 pazienti, 59%, vs 48, 40%, P=0.027 ) rispetto ai pazienti con embolia polmonare non-massiva.

Le modalità di trattamento aggressive sono state più comunemente impiegate nell'embolia polmonare massiva o submassiva ( 22 pazienti, 45%, vs 7, 6%, P minore di 0.0001 ).

Tra i predittori esaminati, solo la gravità dell'embolia polmonare è stata associata all'esito sfavorevole composito nell'analisi multivariata ( odds ratio, OR=3.53, P=0.011 ).
L'area sotto la curva ROC per PESI per predire la mortalità a 30 giorni è stata pari a 0.76. La sensibilità di sPESI è stata del 100% e la specificità del 30%.

L’embolia polmonare massiva o submassiva ha portato a tassi più alti di esiti sfavorevoli rispetto all'embolia polmonare non-massiva nei bambini.
Ulteriori adattamenti di PESI e sPESI sono necessari per migliorare l’utilità clinica nei pazienti pediatrici. ( Xagena2019 )

Pelland-Marcotte MC et al, Lancet Haematology 2019; 6: 144-153

Pneumo2019 Pedia2019



Indietro