Xagena Mappa
Medical Meeting
Onco News
Xagena Salute

Incidenza ed epidemiologia della sindrome da distress respiratorio acuto pediatrico: studio PARDIE


La sindrome da distress respiratorio acuta pediatrico ( PARDS ) è associata ad elevata mortalità nei bambini, ma fino a poco tempo fa non esistevano criteri diagnostici specifici per pazienti pediatrici.
La definizione della Pediatric Acute Lung Injury Consensus Conference ( PALICC ) è stata sviluppata per superare i limiti della definizione di Berlino, che è stata progettata e convalidata per gli adulti.

Sono stati determinati l'incidenza e gli esiti dei bambini che soddisfacevano la definizione PALICC di PARDS.

In questo studio internazionale, prospettico, trasversale, osservazionale, sono state reclutate 145 Unità di terapia intensiva pediatrica ( PICU ) di 27 Paesi.
In un periodo continuo di 5 giorni in 10 settimane tutti i pazienti sono stati sottoposti a screening per l'arruolamento.
I pazienti sono stati inclusi se avevano avuto una nuova diagnosi di PARD che rispondesse ai criteri PALICC durante la settimana di studio.

I criteri di esclusione includevano il soddisfacimento dei criteri PARDS più di 24 ore prima dello screening, cardiopatia cianotica, malattia polmonare perinatale attiva e preparazione o recupero da un intervento cardiaco.
Sono stati raccolti dati sulle caratteristiche dei PICU, dati demografici del paziente ed elementi di PARDS ( fattori di rischio di PARDS, parametri di gravità dell'ipossiemia, tipo di ventilazione ), comorbilità, imaging del torace, misurazioni di gas del sangue arterioso e pulsossimetria.

L'esito primario era la mortalità dei PICU. Gli esiti secondari includevano la mortalità a 90 giorni, la durata della ventilazione meccanica invasiva e non-invasiva e la causa della morte.

Tra il 2016 e il 2017, durante le 10 settimane di studio, 23.280 pazienti sono stati ammessi ai PICU partecipanti, di cui 744 ( 3.2% ) sono stati identificati come aventi PARDS.

Il 95% dei pazienti ( 708 su 744 ) presentava dati completi per l'analisi, con una mortalità del 17% ( 121 su 708 ), mentre solo il 32% dei pazienti ( 230 su 708 ) soddisfaceva i criteri di Berlino con il 27% di mortalità ( 61 su 230 ).

Sulla base della gravità della ipossiemia alla diagnosi di PARDS, la mortalità è stata simile tra i soggetti ventilati in modo non-invasivo e con PARDS lieve o moderato ( 10-15% ), ma più alta per quelli con PARD grave ( 33%, 54 su 165 ).
Il 50% dei pazienti ( 80 su 160 ) ventilati in modo non-invasivo con PARDS è stato successivamente intubato, con una mortalità del 25% ( 20 su 80 ).

Utilizzando la definizione PALICC per PARDS, la gravità di PARD 6 ore dopo la diagnosi iniziale ( area sotto la curva AUC 0.69 ) discrimina la mortalità dei PICU meglio della gravità alla diagnosi di PARDS ( AUC 0.64 ), e supera i gruppi di gravità di Berlino a 6 ore ( 0.64, P=0.01 ).

La definizione di PALICC ha identificato più bambini con PARDS rispetto alla definizione di Berlino, mentre i gruppi di gravità PALICC PARDS hanno migliorato la stratificazione del rischio di mortalità, in particolare se applicati 6 ore dopo la diagnosi di PARDS.
Il quadro di PARDS secondo PALICC deve essere considerato nella futura ricerca epidemiologica e terapeutica nei bambini con PARDS. ( Xagena2019 )

Khemani RG et al, Lancet Respiratory Medicine 2019; 7: 115-128

Pneumo2019 Pedia2019



Indietro