Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Manifestazioni neurologiche dell'infezione da SARS-CoV-2 nei bambini e negli adolescenti ospedalizzati nel Regno Unito


Lo spettro delle complicanze neurologiche e psichiatriche associate all'infezione pediatrica da virus SARS-CoV-2 è poco compreso.
Sono state analizzate la gamma e la prevalenza di queste complicanze nei bambini e negli adolescenti ospedalizzati.

È stato condotto uno studio prospettico di coorte nazionale nel Regno Unito utilizzando una rete online di portali di notifica a risposta rapida sicuri stabiliti dal gruppo di studio CoroNerve.
I neurologi pediatrici sono stati invitati a segnalare tutti i bambini e gli adolescenti di età minore di 18 anni ricoverati in ospedale con disturbi neurologici o psichiatrici in cui ritenevano che l'infezione da SARS-CoV-2 fosse rilevante alla presentazione.

Sono stati esclusi i pazienti se non avevano avuto una consultazione neurologica o indagini neurologiche o entrambi, o non soddisfacevano la definizione di infezione confermata da SARS-CoV-2 ( una PCR positiva di campioni di fluido respiratorio o spinale, sierologia per IgG anti-SARS-CoV- 2, o entrambi ), o i criteri RCPCH ( Royal College of Paediatrics and Child Health ) per la sindrome multisistemica infiammatoria pediatrica temporalmente associata a SARS-CoV-2 ( PIMS-TS ).

Gli individui sono stati classificati come affetti da un disturbo neurologico primario associato a COVID-19 ( gruppo di neurologia COVID-19 ) o a sindrome PIMS-TS con caratteristiche neurologiche ( gruppo di neurologia PIMS-TS ).
Il denominatore di tutti i bambini e adolescenti ospedalizzati con COVID-19 è stato raccolto dai dati del National Health Service England.

Nel periodo aprile 2020 - febbraio 2021 sono stati identificati 52 casi; in Inghilterra, ci sono stati 51 casi tra 1.334 bambini e adolescenti ricoverati in ospedale con COVID-19, con una prevalenza stimata di 3.8 casi per 100 pazienti pediatrici.

In generale 22 pazienti ( 42% ) erano di sesso femminile e 30 ( 58% ) erano di sesso maschile; l'età media era di 9 anni.
36 pazienti ( 69% ) erano neri o asiatici, 16 ( 31% ) erano bianchi.
27 dei 52 pazienti ( 52% ) sono stati classificati nel gruppo di neurologia COVID-19 e 25 ( 48% ) sono stati classificati nel gruppo di neurologia PIMS-TS.

Nel gruppo di neurologia COVID-19, le diagnosi includevano stato epilettico ( n=7 ), encefalite ( n=5 ), sindrome di Guillain-Barré ( n=5 ), sindrome demielinizzante acuta ( n=3 ), corea ( n=2 ), psicosi ( n=2 ), encefalopatia isolata ( n=2 ) e attacco ischemico transitorio [ TIA ] ( n=1 ).

Il gruppo di neurologia PIMS-TS aveva più spesso caratteristiche multiple, che includevano encefalopatia ( n=22, 88% ), coinvolgimento del sistema nervoso periferico ( n=10, 40% ), cambiamento comportamentale ( n=9, 36% ) e allucinazioni alla presentazione ( n=6, 24% ).

I disordini neuroimmuni riconosciuti erano più comuni nel gruppo di neurologia COVID-19 rispetto al gruppo di neurologia PIMS-TS ( 13 su 27 pazienti, 48%, vs 1 su 25 pazienti, inferiore a 1%, P=0.0003 ).

Rispetto al gruppo di neurologia COVID-19, più pazienti nel gruppo di neurologia PIMS-TS sono stati ricoverati in terapia intensiva ( 20 su 25 pazienti, 80%, vs 6 su 27 pazienti, 22%, P=0.0001 ) e hanno ricevuto un trattamento immunomodulatore ( 22 pazienti, 88%, vs 12 pazienti, 44%, P=0.045 ).

In tutto 17 pazienti ( 33% ) ( 10, 37%, nel gruppo di neurologia COVID-19 e 7, 28%, nel gruppo di neurologia PIMS-TS ) sono stati dimessi con disabilità; 1 ( 2% ) è morto ( ha avuto un ictus, nel gruppo di neurologia PIMS-TS ).

Questo studio ha identificato differenze chiave tra i pazienti con un disturbo neurologico primario rispetto a quelli con sindrome multisistemica infiammatoria pediatrica temporalmente associata a SARS-CoV-2.
Rispetto ai pazienti con un disturbo neurologico primario, più pazienti con sindrome PIMS-TS hanno avuto bisogno di cure intensive, ma i risultati sono stati complessivamente simili.
Ulteriori studi dovrebbero indagare i meccanismi alla base per il coinvolgimento neurologico in COVID-19 e gli esiti a lungo termine. ( Xagena2021 )

Ray STJ et al, Lancet Child & Adolescent Health 2021; 5: 631-641

Inf2021 Pedia2021 Neuro2021



Indietro