Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Reumabase.it

Predittori delle prestazioni cognitive tra i neonati trattati per tumori cerebrali


I neonati trattati per neoplasie del sistema nervoso centrale hanno una risposta significativamente più scarsa al trattamento, e sono particolarmente a rischio di deficit neuropsicologici.
La letteratura è limitata e incoerente per quanto riguarda i risultati cognitivi in ​​questo gruppo.

Sono stati studiati i predittori degli esiti cognitivi nei bambini trattati per tumori cerebrali durante l'infanzia come parte di un ampio studio prospettico, multisito e longitudinale.

In tutto 139 bambini con un tumore del sistema nervoso centrale di nuova diagnosi sono stati trattati con chemioterapia, con o senza radioterapia focale con protoni o fotoni.
Le valutazioni cognitive sono state condotte al basale, 6 mesi, 1 anno e poi annualmente per 5 anni.

La durata mediana del follow-up è stata di 816 giorni ( 26.8 mesi ).

I test neurocognitivi includevano la valutazione del funzionamento intellettivo ( quoziente intellettivo IQ ), le valutazioni da parte dei genitori del funzionamento esecutivo e del funzionamento emotivo e comportamentale e lo stato socioeconomico.

Al basale, il quoziente intellettivo, la memoria di lavoro riportata dai genitori e il funzionamento adattivo riportato dai genitori erano peggiori delle aspettative.

Le difficoltà cognitive di base erano associate all'età più giovane al momento della diagnosi e allo stato socioeconomico più basso.
I modelli misti lineari non hanno mostrato un calo del quoziente intellettivo nel tempo.
Nel corso del tempo si sono verificati un aumento dell'attenzione e problemi esecutivi segnalati dai genitori.

Le maggiori preoccupazioni erano legate alla localizzazione del tumore sopratentoriale e alla deviazione del liquido cerebrospinale.
Non ci sono state differenze negli esiti cognitivi in base all'esposizione al trattamento ( solo chemioterapia rispetto a chemioterapia con radioterapia e radioterapia focale con protoni versus fotoni ).

Anche prima della terapia adiuvante, i bambini piccoli con tumori cerebrali presentano difficoltà cognitive che possono influire sulla qualità di vita.
I cambiamenti nel funzionamento cognitivo nel tempo hanno dimostrato di dipendere dalla posizione del tumore e dai fattori chirurgici piuttosto che dalla terapia adiuvante.( Xagena2021 )

Ali JS et al, J Clin Oncol 2021; 39: 2350-2358

Pedia2021 Onco2021 Neuro2021



Indietro